Rino Negrogno
   
Rino Negrogno è nato il 7 luglio del 1968 a Trani, dove vive con la moglie Barbara, il figlio Luca e il cane Axel. Ha conseguito la maturità scientifica presso il Liceo Valdemaro Vecchi di Trani dove è stato alunno dello scrittore Mimì di Palo. Si è laureato in infermieristica all'università di Foggia, lavora nel servizio emergenza urgenza 118 dal 2004. Svolge attività di volontariato nei centri di accoglienza e nella protezione civile. In passato si è impegnato nella politica locale e nel sindacato. Ha curato le rubriche di diversi giornali telematici. Alcune sue poesie e racconti sono stati pubblicati in diverse antologie. Nel 2016 ha pubblicato i suoi primi due libri: "Interludio" e "Controra", nel 2018 "Il miracolo", nel 2019 "Codice Rosso", nel 2020 "Pandemos", nel 2021 "Il monatto", nel 2023 "Il mio Santissimo" e "L'inconsistenza dei giorni".
 

LIBRI
   
   
L'inconsistenza dei giorni
   
L'INCONSISTENZA DEI GIORNI (2023)
Il professor Camillo è perdutamente innamorato della baronessa Elvira degli Archi Cervi; un amore impossibile poiché lui non è un aristocratico, ma in realtà questo è il problema minore, la baronessa è deceduta, diciassettenne, ormai da centotrentatrè anni; incantato davanti alla fotografia apposta sulla sua lapide non si avvede dell’orario e resta chiuso nel cimitero dove incontra un fantasma. Suo figlio Jonathan nasconde un angosciante segreto; la relazione con sua moglie Virginia non funziona; Camillo decide di attraversare una finestra spazio temporale per tornare nel passato e sistemare alcune faccende. Esiste un luogo a Trani, sotto il Belvedere, procedendo da via Venezia in direzione del Lungomare Cristoforo Colombo, scendendo verso la città, contando sei panchine, partendo dalla prima a semicerchio, è la sesta, ingrottata nello speco più profondo, dove questa finestra si può attraversare.
   
Il mio Santissimo
   
IL MIO SANTISSIMO (2023)
Questo libro non è in vendita, l’ho scritto per alcuni amici, parenti e per i suoi protagonisti. L’ho comunque inserito nella mia bibliografia per affetto nei confronti di Francesco Paolo Galasso, di Alfredo Cavalieri, dell’Arciconfraternita dei Bianchi, sotto il titolo del Santissimo Sacramento di Trani, dei confratelli e di tutti i miei amici legati a queste tradizioni.
Racconto la mia esperienza nel sodalizio che iniziò nel 1989 e durò fino al 2012 quando decisi di dimettermi. Racconto inoltre alcuni aneddoti, alcune mie impressioni, alcune riflessioni, persino alcune leggende sui personaggi che ho incontrato e qualche curiosità sulla tormentata processione dei Misteri che si svolge il Sabato Santo, anzi no, il Venerdì Santo; per la verità quando fu istituita si svolgeva il Venerdì santo, successivamente è stata spostata al Sabato e poi di nuovo al Venerdì.
I miei racconti non sono precisissimi e possono persino essere errati nella collocazione storica o nei riferimenti a determinate persone anziché altre poiché per la maggior parte mi baso sui soli ricordi e non su fonti scritte, e purtroppo la memoria comincia ad abbandonarmi.
   
Il monatto
   
IL MONATTO (2021)
Da più di un anno sono in prima linea contro un nemico invisibile, il Covid, e durante questo anno di pandemia che ha terremotato il nostro mondo, mi sono posto tante domande, domande che sono diventate lo spunto per il racconto, ma soprattutto una domanda ha turbato costantemente il mio animo: “Quanto e come ci sta cambiando questa tragedia? In questo libro racconto la paura che provano i pazienti di fronte ai primi sintomi relativi al Covid, la paura di contagiare i propri famigliari, la paura che si venga a sapere, la loro fame d’aria, lo stupore della gente nel vederci bardati le prime volte, ma anche la paura di contagiarsi che hanno gli operatori sanitari. Infatti, da quando è cominciata questa pandemia, sta accadendo un fatto nuovo: per la prima volta i sanitari mentre sono accanto al paziente sono più impensieriti, più impauriti di lui, poiché hanno paura di contagiarsi e contagiare le loro famiglie. Scrive l'editore nella prefazione: "Con le sue microstorie vere, tutte raccontate “in soggettiva”, per usare una metafora cinematografica, Rino Negrogno esegue in maniera efficace il compito che l’umanità da sempre assegna alla narrazione di sé e del proprio mondo di dentro e di fuori: tenere insieme le storie piccole degli umani con la storia grande dell’umanità".
   
Pandemos
   
PANDEMOS (2020)
Sono solo pensieri sparsi, senza una ragione né un motivo. Scritti tra il 2018 e il 2020, tra naufragi e pandemia, violenza sulle donne e uccisioni di bambini. Due anni difficili per il mondo, e invecchiare in queste circostanze è davvero molto faticoso. In realtà un motivo per scrivere c’è ed è Pandemos. Pandemos è un libro di poesie. Alcuni di questi pensieri li ho elaborati mentre mi ritrovavo a venti centimetri da un paziente COVID positivo per incannulare una vena o per misurare la sua pressione arteriosa, per tentare di rianimarlo con il massaggio cardiaco e la ventilazione artificiale, chiusi in ambulanza, in uno spazio di un metro per due, bardato con una tuta bianca, una mascherina e una visiera. Ma non tutti i pensieri tornano da questo periodo. Buona lettura.
   
Codice Rosso
   
CODICE ROSSO (2019)
Codice rosso non è un testo tecnico, non è una disamina sui protocolli operativi per gli operatori del 118, è un libro sulle emozioni, sulle sensazioni che provano i pazienti, i loro parenti e gli operatori del soccorso. Per me la scrittura ha anche una funzione terapeutica, scrivo per esorcizzare la sofferenza con cui sono quotidianamente a contatto, per liberarmi dalla frustrazione che provo di fronte alle innumerevoli situazioni drammatiche che affronto e devo gestire ogni giorno a causa del mio lavoro. In Codice rosso descrivo infatti proprio le sensazioni di chi, improvvisamente, si ritrova in bilico tra la vita e la morte per un incidente stradale, per un infarto o anche per una diagnosi infausta di grave malattia. Descrivo il terrore che assale il paziente, lo sgomento dei suoi parenti, ma anche l’ansia degli operatori del 118 che intervengono in suo soccorso. Racconto le loro reazioni, le loro paure, le reazioni e le paure degli operatori del 118 che con grande passione tentano tutto il possibile per salvarli da una morte quasi certa, a volte con successo, altre volte no. Codice rosso non è un libro triste, è un libro sul coraggio, il coraggio che tira fuori, spesso inaspettatamente, chi è in pericolo di vita, e il coraggio che invece deve necessariamente avere chi ce la mette tutta per tentare di salvarlo. “Se esiste un confine tra la propria professione, il proprio mondo privato e interiore – scrive l’editore in quarta copertina – e la passione che si può provare per l’umanità intera, questo confine Rino Negrogno lo conosce bene e si muove intorno ad esso con grande competenza. La stessa competenza che gli consente di essere narratore di sé”.
   
Il miracolo
   
IL MIRACOLO (2018)
Matteo è alle prese con la difficile gestione del divorzio con Francesca ed è tormentato dai sensi di colpa derivanti dal rapporto intermittente con suo figlio Mattia. Sente la nostalgia della quotidianità perduta, le lotte sul lettone con il figlio, che erano un pretesto per abbracciarlo. È tormentato da ossessive reminiscenze provenienti dal passato che a volte si trasformano in vere e proprie visioni; si ritrova a pensare a quando era bambino, ai suoi genitori che non si sono mai separati, ma soltanto per un atavico senso del dovere; non vi era amore tra suo padre e sua madre, sono rimasti insieme soltanto per rispettare le regole e per il timore di essere giudicati. Si chiede cosa sia più giusto, per non far soffrire i figli, tra una separazione e un rapporto tenuto in piedi senza amore. La sua quotidianità è scandita, oltre che dal suo lavoro, dagli appuntamenti con lo psicanalista e l’avvocato, ma si reca a questi appuntamenti senza convinzione e ritiene che i professionisti non possano aiutarlo; finisce per scorgere in loro, problemi ben più gravi, e ritiene quindi che non possano risolvere i suoi. Resta contrariato quando l’avvocato gli mostra dei calcoli per ridurre l’assegno di mantenimento per suo figlio, come anche quando lo psicanalista cerca di fargli recuperare la fiducia in sé stesso. Anche diversi suoi amici sono separati e gli raccontano le loro storie, dove spesso i figli vengono utilizzati per colpire l'ex coniuge, situazione che lui non accetta e non riesce a concepire. Altre volte sono gli stessi figli a vendicarsi per i torti subiti dai genitori separati. Una di queste è Chiara, quattordicenne che lo seduce soltanto per vendicarsi contro il genere maschile. La situazione precipita quando per caso scopre di avere una malattia incurabile. Ateo, tra esami, prelievi ematici e radiografie, si rivolge inaspettatamente al curato della parrocchia del suo quartiere, ma anche lui si rivela presto incapace di aiutarlo preso dai suoi turbamenti e dai suoi dubbi. Infatti l’unico consiglio che riesce a dargli è quello di rivolgersi al santo venerato nella parrocchia, San Ciro, protettore degli ammalati. Matteo pur titubante, ma disperato, si lascia convincere e, accompagnato da don Peppino, chiede al santo di intercedere presso Dio per concedergli un miracolo. Gli sarà concesso il miracolo?
   
Controra
   
CONTRORA (2016)
Ho scritto la mia prima poesia nel 1978, per una manifestazione culturale organizzata dalla parrocchia San Giuseppe di Trani in occasione della festa della mamma. Avevo 10 anni e, da allora, anche grazie all’incoraggiamento della mia maestra, non ho più smesso. In questa raccolta ne ho selezionate 200, scritte tra il 1986 e il 2016, un periodo alquanto ampio, infatti è evidente uno stile notevolmente disomogeneo tra i vari testi. Ho preferito inserirle a caso, senza seguire un ordine temporale e senza raggrupparle per argomenti, come quando le scrivo, senza alcun criterio. Le mie poesie sono state pubblicate nell’opera “Poesia moderna e contemporanea – Parnaso Europeo” edito nel 2010, nella raccolta “Viaggi di versi – Nuovi poeti contemporanei” edita nel 2013, nell’antologia “Visioni poetiche” edita nel 2013. Nella prefazione di “Visioni poetiche” Plinio Perilli, sulla poesia “Che pace” scrive: “Ogni intellettualismo è vinto, annullato in partenza, irriso come blando, sterile artificio come costrutto”. La controra, dalle mie parti, è l’ora del riposo, della pennichella; è un periodo non ben definito, compreso, all’incirca, tra mezzogiorno e le sedici; in estate è il periodo più caldo della giornata e la consuetudine impone di rifugiarsi in casa al fresco per riposare. Per mia madre non è opportuno aggirarsi per le vie della città alla controra. Quando ero poco più che adolescente, diceva che quella era l’ora degli “zannieri”. Non ho mai saputo chi fossero e non ho mai ascoltato mia madre. Girovagavo sempre alla controra, le ore migliori, silenziose, mentre tutti reiterano la loro devozione alla pennichella, tranne gli “zannieri” che devono essere silenziosi e riflessivi perché non mi pare di averne mai incontrato per strada o sentito cincischiare. Presumibilmente si mimetizzavano tra quelli come me, erano miei compagni di piazza e, senz’altro, io stesso ero uno “zanniere” per le madri dei miei imperterriti accompagnatori, ma preferivo, quando ero giovane, non riposare perché ritenevo quel tempo impiegato così, tempo sprecato invano.
   
Interludio
   
INTERLUDIO (2016)
La storia si svolge a Trani, la mia città, e il pretesto mi ha permesso di descriverne alcuni luoghi caratteristici, far annusare gli effluvi di alcune strade che sono “traverse di corso utilizzate per rivedere le processioni dall’inizio”; ma il vero protagonista del romanzo è il tempo che trascorre inesorabile e ineluttabile. È la storia di un turista che, all’uscita della stazione, chiede a un passante di indicargli la strada che conduce al centro storico di Trani, ma egli si offre di accompagnarlo e, durante il tragitto, si avvale dell’inconsueta attenzione offertagli, per rivelare le sue angosce. In realtà, il tranese, resosi subito conto dell’eccezionale disponibilità all’ascolto del viandante, qualità piuttosto rara al giorno d’oggi, lo punta come una preda da non lasciarsi sfuggire e, infatti, inizia un soliloquio che si trasforma in una cascata interminabile di parole. L’ oratore, per il lavoro che svolge, è spesso a contatto con i vecchi ad è costretto a imbattersi in situazioni dolorose, di malattia, di sofferenza e di morte, ma anche di solitudine, ad esempio nella solitudine dei vecchi abbandonati a loro stessi. È una persona empatica a tal punto che quotidianamente si domanda come possa essere in grado di svolgere questo tipo di lavoro quasi sempre a contatto con la sofferenza. Comincia a ritenere che tutte quelle situazioni che incontra potrebbero presto riguardarlo personalmente, ha la sensazione di essere anche lui prossimo alla vecchiaia se non a una grave malattia. Cerca quindi di riflettere su quella condizione che fino a quel momento aveva considerato estranea, osservandola sempre e soltanto come una faccenda che riguardasse solo i suoi pazienti. Si pone, a un certo momento, un interrogativo, riflette su ciò che si prova nel trovarsi dall’altra parte, dalla loro parte. Spesso, quando ci relazioniamo a un malato, al suo capezzale, a un vecchio, non consideriamo che si tratta di persone che desiderano non essere malati, vecchi, soli e, come scrivo nel mio libro: “la loro mente è spesso sana, pulsa degli stessi nostri desideri, i polmoni bramano l’aria luccicante dell’aurora, si ciberebbero dei baci delle badanti anziché dei loro medicamenti”. Seneca, a tal proposito dice che: “la vecchiaia indica un'età stanca, ma non priva di forze”. Li releghiamo alla loro condizione, come fossero esseri inanimati, condannati all’ineluttabilità della loro sorte senza considerare che hanno gli stessi nostri desideri, i nostri stessi pensieri. Per Italo Svevo il distacco dalla vita è pagato con un senso d’impotenza, quindi d’inettitudine e di malattia, cui è contrapposto il mito della volgare salute borghese. Essere malato, come nel caso di Zeno, permette di assumere una prospettiva privilegiata dove l’ironia si unisce alla capacità di riflessione. La riflessione più interessante la fa Nietzsche, dove il malato, in maniera tranquilla e terribile, può cogliere in pieno la bellezza del mondo, perché ormai vive di attimi concessi e ogni attimo è autonomo, il tempo non scorre più per lui, è finito. I malati, quindi, soprattutto quelli più gravi, quelli terminali, ci osservano da una posizione privilegiata, dall’alto, da un distacco che deriva dall’essersi, loro malgrado, liberati dal dover realizzare nuovi, futili obiettivi. È scorretto relazionarsi alla malattia o alla vecchiaia di una persona piuttosto che alla persona che abbia contratto quel male o quella condizione di vecchiaia.
   
Sei il visitatore 30544
   
Piace a 2605 persone
   
Privacy Policy
Personalizza tracciamento pubblicitario Rino Negrogno Scrittore Trani Interludio Controra Miracolo Codice Rosso Pandemos Monatto Inconsistenza Giorni